Celiachia Intolleranza al Glutine


analisi per la celiachia matera

La Celiachia e l’ Intolleranza al Glutine

Il termine celiachia indica una intolleranza al glutine ed è provocata da una reazione del sistema immunitario.
Si trasmette per via genetica.
L’assunzione di alimenti contenenti tali complessi proteici, anche in tracce, innesca una reazione immunitaria anomala dell’intestino tenue.
Da qui si passa man mano ad un’infiammazione cronica dell’intestino, che continuando con un’alimentazione errata distrugge tutti i villi intestinali.
In un corpo sano, i villi, hanno la funzione di assorbire dagli alimenti le sostanze nutritive essenziali alla vita.
In una persona celiaca, i villi regrediscono e la mucosa intestinale viene danneggiata in proporzione al livello di infiammazione.
Per cui, la superficie d’assorbimento delle sostanze nutritive si riduce o scompare del tutto, provocando scompensi e malnutrizione.
Il Morbo Celiaco può manifestarsi sotto diverse forme:
  • celiachia tipica
  • atipica
  • silente
  • refrattaria
La celiachia è una patologia complessa, la causa è dovuta a fattori ereditari e/o ambientali.
La componente genetica svolge un compito molto importante nella trasmissione della morbo celiaco, è infatti stato dimostrata la componente familiare, in termini di circa 10 volte in più nei parenti di primo grado rispetto alla popolazione generale.
I geni interessati nella predisposizione ereditaria sono diversi.
Tra questi spiccano alcuni fattori del sistema HLA, il complesso maggiore di istocompatibilità, in inglese Major Histocompatibility Complex (MHC).
Costituisce un gruppo di geni polimorfici di 30 unità, che si trovano nel cromosoma 6.

Sintomi

I disturbi legati all’alimentazione e cereali oggi si distinguono in celiachia e intolleranza al frumento, le due patologie vengono spesso confuse tra loro, ma hanno differenze sostanziali e devono essere trattate in modo differente.

Il glutine è un complesso di proteine che si trova nei cereali come frumento, orzo, avena, farro.

E solo tramite test appositi che è possibile determinare se si è affetti dalla patologi.

I sintomi della celiachia sono di diverso tipo: diarrea, coliche, dolori addominali, problemi digestivi in genere, senso di pancia gonfia, affaticabilità, e molti altri.

Non sempre di facile interpretazione medica.

Stati infiammatori gastrointestinali di altra natura possono provocare allergie e intolleranze di diversa tipologia.

Per esempio l‘intolleranza al frumento. 

Reazione che può essere scaturita da un’alimentazione poco varia come quella giornalmente composta da pasta, pane e prodotti contenenti farina di frumento.

sintomi di un’intolleranza al frumento sono: cefalee, disturbi neurologici a volte gravi, come la depressione, ansia, attacchi di panico, stanchezza cronica, alterazioni comportamentali.

Diversa cosa sono le sostanze non tollerate contenute nel frumento.

Esse possono essere identificate attraverso la metodica Elisa, con la quale si possono individuare le reazioni avverse alle proteine alimentari.

Il test può essere utile per indagare quali cereali sono tollerati per poi, con l’aiuto di uno specialista, eliminare specifici alimenti per un determinato periodo di tempo.

Diagnosi

La celiachia si manifesta facilmente in età infantile dopo lo svezzamento, dopo il passaggio dal latte materno ad un’alimentazione contenente glutine.
Qualora non venga diagnosticata in tempi rapidi, è possibile avere disturbi della crescita e dello sviluppo.
I bambini celiaci sono spesso di corporatura esile e appaiono a prima vista denutriti.
Presentano spesso occhiaie ed è molto comune il loro sguardo mono espressivo.
Può comparire ad ogni età anche in età più avanzata, infatti attualmente, viene diagnosticata soprattutto tra gli individui adulti.
Chi sospetta di essere intollerante al glutine, come primo test deve effettuare sono gli esami del sangue.
Se in questi esami vengono evidenziati gli anticorpi specifici, nella maggior parte dei casi si procede in secondo momento con la biopsia di un campioncino di intestino tenue, prelievo del tessuto, per avere la conferma definitiva.

Esami Clinici

  • AGA – Anticorpi Anti Gliadina
  • EMA – Anticorpi Anti Endomisio
  • Anticorpi Anti-Transglutaminasi
  • HLA – DQ2 e DQ8

Trattamento

Nel caso in cui la biopsia intestinale evidenzi le tipiche variazioni della mucosa, il medico specialista mostrerà gli effetti positivi sull’organismo.

E comincierà a seguire una dieta priva di glutine.

L’alimentazione priva di glutini, infatti,  nella maggior parte dei casi, porta a un rapido miglioramento.

Non appena si eliminano dagli alimenti le proteine in questione, la mucosa intestinale inizia di nuovo a rigenerarsi.

Il celiaco non deve assumere nessun tipo di farmaco o sottoporsi a terapie particolari.

La cura consiste esclusivamente nell’osservare una dieta senza glutine rigorosa per tutta la vita.

Il Laboratorio Riccardi esegue test specifici per risalire al tipo di intolleranza.

Si preoccupa di garantire la completa gestione della disfunzione, seguendo il paziente in tutte le fasi delle analisi.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio